FdC 2018 – Preparativi avviati

Tredicesima edizione, un numero che per i triskaidekafobici porta male ma che, nel Mondo del Cactus invece è un segno di buon augurio, anche grazie a San Vincenzo da Avola, nostro protettore e parente di altri santi ben più blasonati che del ’13’ hanno fatto la fortuna del totocalcio.
Nei tarocchi il 13 rappresenta l’alchimista, il cambiamento e, forse, questa edizione sarà davvero ‘speciale’ a segnare una mutazione rimarchevole per tutti coloro che vi partecipano.
Al di là delle superstizioni saranno solo gli eventi a mostrare la potenza cactologica del numero tredici (13 sono le spine radicali della Mammillaria camptotricha, le costole del Notocactus magnificus, i peduncoli tegmenacei dei semi di Blossfeldia, le druse silicocalcaree delle fosse stomatiche di Stetsonya coryne ecc.): staremo a vedere.

L’edizione 2018 della Festa del Cactus sarà più conviviale che mai: anno dopo anno, gruppi e associazioni si sono ritrovati sotto al nostro tetto e le persone si sono finalmente viste in faccia, senza l’intermediazione di un forum, un blog o un social. Questa caratteristica diventa ora la nostra bandiera! Cactofili, Trentino & Südtirol, ADIPA, Cactus&Co., AIAS, GMS e altri ancora rinnovano le loro presenze, si conoscono, si amano, si odiano e si creano situazioni favorevoli allo scambio di piante, semi e quant’altro.

Interessantissimi gli incontri con espertissimi, su cui stiamo lavorando e per i quali sarà data comunicazione dettagliata all’approssimarsi dell’evento.

2018-07-14T16:22:32+00:00 14 luglio, 2018|